Immagine non trovata

Volge al termine la Rassegna D’Arte e Musica: una serie di incontri  con I Solisti Aquilani  che si è snodata a partire dal 10 agosto, nella città capoluogo e in altri Comuni della provincia  tra le austere architetture e gli stupefacenti cicli di affreschi di Chiese ed Abbazie.

San Pietro della Ienca, le Chiese di S. Maria de’ Centurelli (Caporciano), Santa Maria ad Cryptas (Fossa), S. Panfilo (Tornimparte), San Giovanni Battista (Castelvecchio Calvisio), il Convento di San Francesco sono stati lo straordinario contenitore di concerti che hanno spaziato dalla musica del Settecento fino ai nostri giorni.

Gli ultimi appuntamenti, tutti alle ore 18.00,  con il fitto percorso intessuto tra musica, architettura e pittura, sono affidati a Daniele Orlando, primo violino dei Solisti Aquilani che proporrà un recital particolarmente  impegnativo e di grade suggestione, interamente dedicato a J.S. Bach.

 

 Allievo di Denes Szigmondy - discendente della celebre scuola di Zino Francescatti e Carl Flesch - Daniele Orlando si è in seguito perfezionato con Ana Chumachenco e Boris Kuschnir. A soli 17 anni ha debuttato come solista con il Concerto di P. I. Tschaikowsky diretto da Donato Renzetti. Ha tenuto concerti da solista e in formazioni da camera in Europa e negli Stati Uniti collaborando con artisti quali Krzysztof Penderecki, Bruno Canino, Antonio Anselmi, Ramin Bahrami, Alessandro Carbonare, Michele Campanella. Ha al suo attivo numerose incisioni discografiche per etichette. E’ stato membro della Gustav Mahler Jugend Orchester, della European Union Youth Orchestra e dell' Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado. Dal 2014 è violino di spalla de I Solisti Aquilani. Suona un Giovan Battista Ceruti del 1805.

 

 

Ingresso Gratuito

Invitiamo tutti gli spettatori a rispettare le norme per la prevenzione del contagio

 

SI RICORDA CHE PER PARTECIPARE AGLI EVENTI È’ OBBLIGATORIO L'USO DELLA MASCHERINA E VA RISPETTATO IL DISTANZIAMENTO

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 02 Settembre 2020