Avviso del 01/12/2020 - Attivazione C.O.C. (Centro Operativo Comunale) del Comune di Fossa

ORDINANZA SINDACALE n. 22 del 01 Dicembre 2020

Data:
01 Dicembre 2020
Immagine non trovata

IL SINDACO

 

PREMESSO che in data 31.01.2020 il Consiglio dei Ministri ha dichiarato per sei mesi lo stato di emergenza sanitaria per l' epidemia da coronavirus a seguito della dichiarazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale, successivamente prorogato sino al 31 .01.2021;

 

RICHIAMATI:  

  • Il Decreto Legislativo n.1 del 2 gennaio 2018: “Codice della protezione civile”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 17 del 22 gennaio 2018;
  • il Decreto Legge n. 6 del 23 febbraio 2020, recante "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19"ed in particolare l'art. 3;
  • il DPCM del 23 febbraio 2020 recante Disposizioni attuative del citato decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 23 febbraio 2020, n. 45, che individua misure di contenimento della diffusione del nuovo coronavirus nei comuni interessati dal contagio;
  • il DPCM del 25.02.2020, avente ad oggetto “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell' emergenza epidemiologica da COVID-19”;
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell' emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 1° marzo 2020;
  • il Decreto Legge n. 9 del 2 marzo 2020, recante "Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19" ed in particolare l'art. 35;
  • il DPCM 8 marzo 2020 riportante ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19;
  • il DPCM 9 marzo 2020 recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale;
  • la Circolare prot. n. 15350 del 02.03.2020 del Ministero dell' Interno;
  • l' art. 50 comma 5 del T.U.E.L. Testo Unico Enti Locali, approvato con D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i;
  • il D.L. 17 marzo 2020, n. 18, c.d. Decreto Cura Italia, ad oggetto: “Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse REGISTRO GENERALE ORDINANZE n.ro 52 del 19/10/2020 - Pagina 1 di 4 all'emergenza epidemiologica da COVID-19”, convertito con modificazioni dalla L. 24 aprile 2020, n. 27;
  • il D.L. 25 marzo 2020, n. 19 ad oggetto: “Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19” convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35, la quale legge è stata modificata mediante D. L.30 luglio 2020, n. 83;
  • il D.L. 16 maggio 2020, n. 33 ad oggetto: “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e la legge di conversione 14 luglio 2020, n. 74 recante: “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19”;
  • il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020 contenente misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e visti gli allegati da 1 a 17 recanti “Linee guida redatte ed approvate dalla Conferenza delle Regioni e accolte dal Governo”;
  • il D. L.30 luglio 2020, n. 83, che ha prorogato lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili sino al 15 ottobre 2020;
  • il DPCM n. 125 del 7 ottobre 2020, in vigore dal 08.10.2020, mediante il quale è stato prorogato lo stato di emergenza per prevenire e contrastare la diffusione del virus Covid.

 

RITENUTO opportuno, infine, attivare il Centro Operativo Comunale nel rispetto della Circolare relativa alle Disposizioni operative del Dipartimento di Protezione Civile del 03.03.2020, e successivi atti ministeriali al fine di:

  1. Stabilire le corrette relazioni e attivare il corretto flusso di informazioni con la Struttura di Protezione Civile istituita presso la Regione Abruzzo con D.G.R. n. 125 del 4/3/2020, assicurando il raccordo informativo con il livello provinciale e regionale;
  2. Predisporre una pianificazione speditiva di assistenza alla popolazione, con il supporto delle Associazioni di Volontariato;
  3. Organizzare le attività di controllo, stimolo e il richiamo all' effettiva attuazione delle misure ordinate, disposte e raccomandate con la presente Ordinanza Sindacale;
  4. Individuare e programmare gli approvvigionamenti ritenuti necessari ad eventuali successive fasi dell' emergenza;

 

RICHIAMATA la circolare della Regione Abruzzo con la quale si consiglia l'attivazione della FUNZIONE 2 – SANITÀ attraverso l'individuazione di un Responsabile Sanitario, preferibilmente Medico di Medicina Generale o referente ASL, al fine di meglio garantire l'attivazione della risposta sanitaria all'emergenza all'interno del Comune, con l'ausilio del Volontariato.

 

DATO ATTO che in merito alle modalità di attuazione del “Piano di Emergenza Sanitaria” il Comune può istituire un ufficio contattabile telefonicamente,che garantisca in caso di necessità, un adeguato supporto ai cittadini appartenenti alle fasce deboli: anziani over 65, soggetti fragili, soggetti in quarantena, o altri soggetti su indicazione del medico. Sarà possibile garantire il servizio “pronto farmaco”cioè la fornitura di farmaci salvavita, appartenenti alla fascia A, che non prevedono quote a carico dell'utente. Per i bambini saranno interessati i medici di base ed i pediatri.

 

CONSIDERATA la recrudescenza in atto circa la diffusione del contagio del virus COVID-19 a livello, sia mondiale, sia nazionale, sia territoriale e valutata la conseguente necessità di porre in essere strategie utili ad arginare e contrastare la diffusione del contagio ad oggi in atto;

 

CONSIDERATO che facendo seguito alla nota del Presidente della Giunta Regionale prot. n. 369244/20 del 23 Novembre 2020, nelle more di definire con i singoli Comuni le date di effettuazione dello screening, con la quale si rappresentava alle Amministrazioni la necessità  che il coordinamento delle attività in oggetto venisse effettuato attraverso il modello gestionale di protezione Civile;

 

CONSIDERATO che in tal senso si chiede che, laddove non si sia già provveduto, vengano attivati i Centri Operativi Comunali (COC) con funzioni di raccordo con personale sanitario, individuazione di luoghi per l’effettuazione dei test, e fasi organizzative collegate

 

ORDINA

L’apertura del C.O.C. (Centro Operativo Comunale) di Fossa con funzioni di:

  • Assistenza alla popolazione (ProntoFarmaco, Spesa a domicilio, fornitura di DPI, Screening)
  • Sanità (raccordo con il personale sanitario presente nelle postazioni e di raccolta e comunicazione dati)
  • Materiali e Mezzi (individuazione dei locali idonei per effettuare i test, organizzazione delle postazioni di prelievo e dei flussi delle persone agli stessi, gestione dei materiali (test antigenici e DPI), restituzione dei test antigenici non utilizzati al completamento delle attività di screening, gestione dei rifiuti prodotti (eccetto dei rifiuti speciali sanitari), fornitura dei pasti al personale impiegato nelle attività di esecuzione dei test (personale sanitario, personale amministrativo, volontari, ecc)
  • Volontariato (gestione del volontariato presente)

 

 

dalle ore 8 alle ore 13.30 dal lunedì al venerdì, e dalle ore 15 alle 17.30 nei giorni di lunedì e mercoledì, Sabato e Domenica (su richiesta telefonica al cellulare) fino a cessata esigenza, con reperibilità tramite il numero telefonico 0862.751120 (Ufficio Protocollo) e/o 353.3365110;

 

La sede del COC è l’edificio comunale sito in Via Roma, 47 (Municipio) 67020 Fossa.

La sede operativa, di svolgimento dei test antigenici, è la Sala Polifunzionale, sita in Via Verona, 1 presso il Villaggio MAP San Lorenzo Fossa.

Il Responsabile del COC è il Sindaco, Dott. Fabrizio Boccabella.

Il Vicario, in caso di assenza del Responsabile, è l’Assessore con delega alla Protezione Civile, Sig.ra Giovanna Colagrande.

 

DISPONE

 

  1. Che il presente provvedimento sia pubblicato sull'Albo Pretorio online di questo Ente;
  2. Sia trasmesso a:

 

  • Alla Prefettura dell’Aquila
  • Alla Protezione Civile Regionale
  • Al Comando Stazione dei Carabinieri di San Demetrio ne’ Vestini (AQ)

 

Avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale d’Abruzzo, Sezione di L’Aquila, entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla data di pubblicazione del presente provvedimento, oppure, in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro il termine di 120 (centoventi) giorni, sempre dalla data di pubblicazione del presente provvedimento.

 

 

 

                                                                                                          Il Sindaco

                                                                                                           f.to Dott. Fabrizio Boccabella

Allegati

Ultimo aggiornamento

Martedi 01 Dicembre 2020